Disponibile il numero di “PagineAperte” di marzo – 2022

IN CAMMINO VERSO LA VITA

Leggi il nuovo numero! PAGINE APERTE N. 2_2022

L’Editoriale del direttore responsabile Vincenzo Marras

L’immagine di copertina di queste PagineAperte si presta a varie e finanche contrapposte letture. Mi piace vederle come le orme di quanti hanno camminato davanti a noi, e voglio rintracciarle tra le opere che i nostri Editori, Paoline e San Paolo, ci propongono. Se le prime orme da seguire, come ci invita Pietro nella sua Prima lettera, sono quelle di Cristo che «ha sofferto per voi, lasciandovi un esempio» (2,21), ecco l’ultima fatica di James Martin che, in Insegnaci a pregare, con il suo linguaggio diretto e mai noioso, guida il lettore nello scoprire il modo migliore per costruire un intimo legame con Dio. Una strada percorsa anche da Paolo Curtaz con Sul dolore, nel quale offre una intensa riflessione a partire dalle esperienze dolorose che attraversano le nostre vite ricercando nella Parola di Dio tracce di luce capaci di illuminarle. Alla fonte originaria, quella delle Sacre Scritture, ci portano – oltre alle diverse edizioni dell’Antico e del Nuovo Testamento presenti nel nostro catalogo – due opere che ci mettono in ascolto della Parola di Dio: La loro voce percorre la terra, una lectio divina sugli Atti degli Apostoli, di Anna Maria Cànopi, indimenticata fondatrice e abbadessa del monastero sull’Isola di San Giulio, e Il Vangelo secondo Marco di Luigino Bruni, economista e storico del pensiero economico.

Impronte nella storia e nella vita della Chiesa le hanno lasciate uomini e donne, che hanno testimoniato l’attenzione e la cura nei confronti di coloro che li hanno avvicinati e incontrati. È l’impronta sovversiva e intrisa di Vangelo sine glossa del vescovo e martire salvadoregno Oscar Arnulfo Romero, raccontato da Alberto Vitali; è la traccia indelebile lasciata da Armida Barelli, della quale Ernesto Preziosi, in La zingara del buon Dio, sottolinea l’azione nell’organizzazione del movimento cattolico femminile, nell’Azione Cattolica e nella fondazione dell’Università Cattolica; e sono le orme di una delle personalità di maggior spicco nella cultura del mondo cattolico italiano nel periodo che accompagnò e seguì il Concilio Vaticano II, Ernesto Balducci, di cui Andrea Cecconi, in occasione del centenario della nascita, in Non sono che un uomo, ripercorre la biografia mettendone in rilievo il valore non solo ecclesiale, ma anche sociale e politico.

Tracce per il nostro cammino – quasi luci di posizione – sono quelle che ci offre la teologa e religiosa domenicana Antonietta Potente, che in Il nome svelato indirizza lo sguardo del lettore sul proprio io, e in La lingua divina affronta il tema del dialogo interreligioso a partire da una domanda che da sempre accomuna uomini e donne di ogni tempo e credo religioso: “Dov’è Dio?”.

Altre tracce preziose ci sono proposte, infine, da Transizioni profetiche, un volume scritto a quattro mani – Francesco Cannella, Tonino Cantelmi, Marco Guzzi, Fabio Lorenzetti – su come affrontare il cambiamento d’epoca che stiamo vivendo.

Buone letture!